Gli stagni di Capo Falcone

Tre sono gli stagni nella penisola di Capo Falcone: lo stagno di Casaraccio circa 3 Km. prima di Stintino per chi proviene da Porto Torres, alla fine della spiaggia delle saline, lo stagno di Pilo in località Issi proprio a ridosso della costa settentrionale e lo stagno delle Saline così chiamato perché è prossimo alla spiaggia delle Saline, poco più avanti dello stagno di Casaraccio.
La caratteristica di questi stagni è di essere costituiti di acqua salmastra; in molti punti si possono notare depositi salini evidenti che si formano al ridursi dei livelli dell'acqua nei periodi più aridi. In tutti gli stagni infatti il lato che costeggia il mare è soggetto a costanti infiltrazioni di acqua salmastra. E' ovvio che la vegetazione non può che essere costituita da specie dotate di alta resistenza alla salinità del suolo; si tratta di formazioni a cespuglio e giunchi e, nelle parti più interne, tamerici.
Lo Stagno di Casaraccio, poco profondo, occupa una superficie di circa 7,5 Ha. E' separato dal mare da una sottile striscia sabbiosa ed ha uno sviluppo in lunghezza in senso perpendicolare alla linea costiera di circa 800 mt. contro una larghezza di soli 100 mt.
Lo Stagno di Pilo ha invece un'estensione di circa 1.2 Km². E' separato dal mare da una sottile duna sabbiosa. A differenza dello stagno delle saline quello di Pilo è alimentato da piccoli ruscelli che ne addolciscono le acque in maniera irregolare in più punti. La banchina, ricoperta da sale ed un tappeto di frammenti di conchiglie è estremamente soffice ed in certi punti è persino cedevole, non prestandosi così ad essere percorsa a piedi se non con molta attenzione. Lo stagno di Pilo in particolare, grazie al fatto di essere nascosto dallo sguardo dei curiosi, per la sua posizione interna rispetto alla strada principale, ha il fascino che certa fauna sempre dona a questi posti. Sono infatti visibili in alcuni periodi dell'anno i fenicotteri rosa che qui hanno nidificato come anche in altri stagni salati in Sardegna (ad esmpio quello di Cabras). Ma lo stato di abbandono gli ha anche conferito un aspetto sinistro sulla costa dove ogni tanto si possono trovare carcasse di grossi pesci e altri animali.
Lo stagno delle Saline, a differenza degli altri due stagni, ha una minore profondità. Inoltre trovandosi proprio a ridosso della spiaggia delle Saline molto frequentata nei mesi estivi, mal si adatta ad ospitare fauna come il più protetto stagno di Pilo ed parzialmente anche lo stagno di Casaraccio.

Condividi su:

Per lasciare un commento con la vostra valutazione del luogo inserire nome ed email. - Date la vostra valutazione del posto con le stelline. (E' necessario che sia attivato javascript. Se non funzionano commenti o slideshow aggiornate il vostro browser).
Non è consentito inserire link a siti web nel commento



Numero Voti: 0    -   Valutazione media: